Avanguardia Digitale è una web agency nata per collaborare con le piccole, medie e grandi aziende a sviluppare il loro business online.
Crediamo che la digitalizzazione della tua attività possa davvero fare la differenza e renderla più competitiva, accattivante e di conseguenza più profittevole

Contatti

Via Roma 230, Misterbianco, CT 95045, ITA

info@avanguardiadigitale.it

+39 349 670 4297

Categoria: ECOMMERCE

Massimizzare il roi in un ecommerce

ROI (Return on Investment): cos’è, come calcolarlo e come massimizzarlo

Se stai gestendo un business è necessario che tu sappia con esattezza qual è il tuo ROI, cioè il tuo ritorno economico sugli investimenti effettuati.

Hai deciso di investire in una campagna di marketing per portare in maniera efficace il tuo prodotto/servizio sul mercato? Hai un investitore interessato a finanziare la tua startup e devi potergli dimostrare che ne valga la pena? In questi casi, e in molto altri, non basta limitarsi ad un semplice calcolo quale [ricavo – spesa = guadagno], infatti il Return on Investment è qualcosa di più, è un vero e proprio indicatore della redditività del capitale investito

Calcolo roi

Il calcolo del ROI è molto semplice se parliamo, per esempio, di campagne online per una vendita diretta, perché il ritorno è pressoché immediato. Risulta invece un po’ più complesso se i risultati di un’operazione di marketing si vedono sul lungo termine, come nel caso ad esempio di una strategia di Digital PR finalizzata a migliorare la brand awareness.

 

Come si calcola il ROI: formula e istruzioni

La formula del ROI utilizzata per il calcolo è: Reddito Operativo diviso per il Capitale investito netto operativo.

  • Il Reddito operativo non è altro che il guadagno netto derivante dall’investimento fatto;
  • Il Capitale investito netto operativo è invece il capitale investito al netto di ammortamenti e accantonamenti.

 

Vediamo come si calcola il ROI con un esempio pratico:

 

Investi 500€ per la tua campagna e grazie al capitale investito fatturi 800€. Il ROI lo calcolerai sottraendo l’investimento dal fatturato e dividendo il risultato per il capitale investito. Quindi (800-500)/500 = 0,6 = 60%.

 

Più alto è l’indicatore ROI, più la campagna sta funzionando. Significa che stai avendo un buon ritorno sull’investimento.

 

Differenza tra ROI e ROAS

L’acronimo ROAS sta per Return On Advertising Spend, che in italiano traduciamo come Ritorno sull’investimento pubblicitario e si differenzia dal ROI perché è semplicemente la differenza tra il guadagno derivante dalla campagna e la spesa sostenuta per la campagna stessa.

 

Tornando all’esempio di prima: Investi 500€ e ne fatturi 800, il tuo ROAS sarà di 300€ (800 – 500 = 300)

 

Nel calcolare il ROI, invece, bisogna tenere conto delle spese: se hai un e-commerce, per esempio, dovrai sottrarre dal guadagno le spese relative ai costi di spedizione e le spese di magazzino.

 

differenza tra roi e roas

 

La differenza tra ROI e ROAS, in buona sostanza, è che il ROAS è un indicatore specifico per l’advertising e semplice da calcolare, ma non così specifico come il ROI, che misura proprio la redditività di una campagna e nel cui calcolo vanno considerati tutti i costi.

Come aumentare il ritorno sull’investimento del tuo business

Se decidi di fare una campagna di Content Marketing e quindi di investire su di essa, saprai già quanto siano importanti proprio i contenuti. Se nel corso della campagna decidi che è arrivato il momento di aumentare e ottimizzare il ROI, dovrai seguire alcune indicazioni basilari.

I contenuti non vanno solo studiati ed elaborati con la massima cura, ma vanno anche aggiornati: ogni giorno, sul web, vengono caricati migliaia di contenuti, il che significa che dopo poco tempo il tuo post, video o podcast è già vecchio. Va quindi aggiornato regolarmente, sempre con un occhio alla SEO: questo ti permetterà di migliorare la tua visibilità e raggiungere i tuoi obiettivi di business

Il tasso di conversione in un ecommerce

Non è un segreto che l’obiettivo primario dei proprietari di ecommerce, sia in Italia che nel mondo, sia sempre e solo uno: generare vendite.

Lavorando su Internet, in relazione all’ecommerce, spesso si sente parlare di tasso di conversione, ossia la percentuale di traffico che effettua una determinata azione o conversione